Impresa Italia

da Investimenti Finanziari, III/2016

 

I promotori finanziari italiani hanno storicamente individuato come loro cliente naturale i privati investitori, specializzandoci nei servizi alle famiglie. Ciò era giustificato da un lato dalla gamma dei prodotti messi loro a disposizione dalle reti di appartenenza (che di norma erano “tagliati” per le famiglie) e, dall’altro, dall’ingente massa di risparmio non gestito che, specialmente in Italia, era detenuta principalmente dai privati. Negli ultimi anni, a parere di chi scrive, la situazione è fortemente mutata, sia in relazione alla rottura del rapporto di fiducia tra banche ed imprese che ad alcune novità legislative e di mercato. In questo articolo, nato anche dal confronto con alcuni promotori e coordinatori di reti, ci si pone l’obiettivo di evidenziare la convenienza allo sviluppo delle attività di marketing volte ad acquisire alle reti un certo numero di clienti-impresa.

 

L’Italia è un paese di piccole e medie imprese: attualmente sono attive circa 4,3 milioni di imprese che occupano quasi 16 milioni di addetti (11 milioni dei quali dipendenti e 5 milioni, in varia forma, imprenditori). All’interno di questo mondo variegato, che comprende le grandi multinazionali e le minuscole imprese individuali, oltre il 95% delle aziende conta meno di 10 addetti e, in base alla recente normative europea in via di applicazione, sarà in gran parte ricompreso nella nuova categoria delle micro-imprese (1). In termini di valore aggiunto, però, il contributo alla nostra economia è fornito in maniera quasi equivalente dalle piccole imprese (35%), dalle medie (quelle con addetti compresi trai 10 ed il 250, 34%) e dalle grandi (31%).

In termini assoluti, il numero medio di occupati per impresa è pari a 3,7 ed è quindi notevolmente inferiore a quello dei nostri partner europei (Germania 12, Regno Unito 11, Francia 7, dati approssimati).

La differente struttura del nostro sistema industriale, determinata da cause storiche e socio-economiche, dopo aver rappresentato per un lungo periodo un punto di forza della nostra economia (2) risulta ora penalizzante per il sistema paese, in relazione al mutato quadro internazionale ed alla cresciuta competizione globale. La crisi del 2007 ha così colpito in maniera più forte il nostro paese che, a distanza ormai di 9 anni, stenta ancora a risollevarsi, al contrario di quanto abbiano fatto paesi anche a noi vicini (3).

L’altra principale peculiarità del nostro sistema imprenditoriale è data dalla struttura delle fonti di finanziamento, caratterizzandosi per una forte sottocapitalizzazione delle imprese, un massiccio ricorso al debito e da un sostanziale “banco-centrismo”, con le aziende di credito finanziatrici quasi esclusive delle imprese (4).

Infine, la dimensione delle aziende stesse, come sopra evidenziato, ha determinato, nella gran parte dei casi, una struttura organizzativa interna molto scarna, con gli imprenditori che spesso ricoprono in prima persona molti ruoli (ad esempio, quello di Direttore Finanziario e di Responsabile Commerciale) che, fisiologicamente, dovrebbero essere ricoperti da altri soggetti, con competenze specialistiche e ruoli manageriali.

Le imprese italiane si sono quindi presentate alla dura prova della crisi con delle strutture finanziariamente deboli, dimensionalmente ridotte ed organizzativamente inefficienti; l’unico supporto esterno, quello bancario, era proprio al centro della crisi e viveva momenti di forte difficoltà.

L’andamento della concessione del credito alle imprese negli anni in parola ha infatti evidenziato una forte contrazione proprio in un momento nel quale, al contrario, sarebbe stata indispensabile una certa elasticità finanziaria per poter da un lato assorbire un temporaneo calo dei ricavi e, dall’altro, per poter approntare un dinamico piano di rilancio con accorti investimenti in Ricerca & Sviluppo e in azioni di penetrazione commerciale internazionale (5). Per dare un riscontro numerico a tale affermazione, si ricorda che nel quinquennio 2011-2015 il credito del sistema bancario alle imprese si sia ridotto di oltre 90 miliardi di euro, oltre il 10% del totale (fonte Bollettino Statistico della Banca d’Italia).

Si è così spezzato traumaticamente quel delicato rapporto tra banca ed impresa che, in Italia, aveva garantito per decenni crescita e prosperità. Non solo. Negli anni più recenti, le ripetute crisi bancarie, complici anche comportamenti spesso penalmente rilevanti ed eticamente censurabili di alcuni manager bancari, hanno gettato ulteriore discredito sul sistema bancario e determinato una completa sfiducia da parte dei privati e delle imprese nei confronti delle banche stesse.

I casi più eclatanti (quello delle due grandi banche popolari venete, che ha travolto un’intera regione, e quello della banca popolare dell’Etruria, per citarne solo un paio) hanno avuto un riscontro mediatico immenso e sono penetrate a fondo nella coscienza di un paese che, sino ad allora, riteneva la banca un porto sicuro per i propri risparmi.

La sfiducia nella sicurezza e nell’affidabilità delle banche nella protezione e gestione delle riserve di liquidità ha poi avuto di recente una sanzione normativa. La disciplina del “Bail In”, introdotta nel nostro paese a partire dal gennaio 2016 recependo una direttiva europea lungamente discussa e quasi unanimemente approvata in sede comunitaria, impone infatti una puntuale spartizione delle perdite tra tutti gli stakeholder di una banca in caso di dissesto (il cosidetto “Burden Sharing”). Il primo 8% delle perdite sarà infatti assorbito, nell’ordine, da azionisti, obbligazionisti subordinati, obbligazionisti senior e depositanti (per la quota eccedente la tutela del Fondo Interbancario dei Depositi), con una maggior tutela per piccole imprese e privati rispetto alle altre imprese.

Tale disciplina, sulla quale i pareri sono contrastanti ma che, attualmente, è norma di legge, arriva nel momento peggiore per un paese come il nostro che, per anni, ha negato l’esistenza di un problema bancario e che adesso, complici anche le più recenti e stringenti norme sulla valutazione dei crediti in sofferenza, si trova a dover fare i conti con diverse potenziali crisi bancarie di medio livello ed una, conclamata, di grandi dimensioni (quella del Monte dei Paschi di Siena). Le banche italiane hanno infatti livelli assoluti e percentuali di crediti in sofferenza che superano di gran lunga la media europea e che mettono a rischio la sopravvivenza di molte aziende di credito del nostro paese.

A dispetto degli interventi delle autorità bancarie europeee che, specialmente con i recenti TLTRO (Targeted Long Term Refinancing Agreement) (6) hanno tentato di spingere le banche ad utilizzare la liquidità concessa per il finanziamento dell’economia reale dei paesi di riferimento, i canali del credito alle imprese non si sono completamente riaperti, specie nel Centro-Sud. Non solo. La fisiologica detenzione di attività liquide delle imprese sulle banche comincia a destare forti preoccupazioni, in quanto non sufficiente tutelata.

In caso di avvio della procedura di risoluzione di una crisi bancaria secondo le rigide metodologie del Bail In, infatti, i depositi detenuti dalle imprese verrebbero ad essere coinvolti pro quota nel fallimento, in assenza di alcuna possibilità di gestione “politica” o “di sistema” della crisi. L’obiettivo del legislatore comunitario è stato infatti quello di evitare la possibilità di contagio delle crisi bancarie verso il debito sovrano; l’onere delle crisi deve essere sostenuto in primis da tutti i privati portatori di interessi, con un’applicazione puntuale del principio della responsabilità capitalistica.

Giova però ricordare come un’impresa, specie se di dimensioni non modeste, deve necessariamente detenere fondi sulle proprie banche, se non altro per far fronte al tempestivo pagamento di stipendi ai propri dipendenti e di corrispettivi ai propri fornitori; tali giacenze, stante l’attuale normativa, sono a rischio ed un eventuale blocco (o perdita definitiva) delle stesse in caso di crisi bancaria potrebbe risultare esiziale per l’impresa stessa, che si avviterebbe in una crisi di liquidità che, inevitabilmente, diventerebbe economica finanziaria.

Il rating medio del nostro sistema bancario (7) ha subito peraltro un sensibile peggioramento e giustifica, insieme alla preoccupante situazione dei Non Perfoming Loans sopra descritta, i peggiori timori degli imprenditori.

La situazione attuale determina quindi un’eccezionale opportunità per le reti di promotori di emanazione non bancaria o per quelle facenti parte di gruppi internazionali con standing di alto livello, essendo le banche tradizionali poco credibili e sostanzialmente non interessate a sviluppare ulteriori canali di sviluppo del rapporto con le imprese clienti. Molte banche, infatti sono ancora alle prese con problemi di patrimonializzazione e le relative necessità di riduzione della massa degli impieghi mentre tutte, o quasi, debbono risolvere la questione della riduzione del personale e delle filiali, dovendo rispondere ai mutamenti tecnologici ed alla riveniente pletoricità delle loro strutture (e dei relativi costi).

Inoltre, al contrario di quanto accadeva sino a non molto tempo fa, le imprese hanno ora bisogno di un dinamico supporto ai processi di crescita che esuli o che comunque non si riassuma esclusivamente nell’affidamento classico (che pure può far parte delle proposte dei promotori, attraverso una banca del gruppo o banca convenizionata) ma che al contrario venga incontro alle effettive necessità delle aziende.

Un recente studio ha indicato infatti tra le priorità delle imprese, dopo il recupero dei crediti (62.8% di risposte positive), la gestione della liquidità aziendale (58.2%). In effetti, dati statistici evidenziano l’esplodere delle giacenze di liquidità delle imprese, che sono in gran parte detenute su conti correnti bancari e, in misura minore ma pur sempre sensibile, investite in titoli, prevalentemente obbligazionari ma anche azionari (8).

Tale allocazione degli attivi, a volte causata anche dalla necessità di fornire garanzie collaterali su operazioni di finanziamento, determina comunque dei forti rischi per le imprese, sia in virtù della totale assenza di diversificazione degli attivi stessi (con un’inconsapevole forte esposizione al rischio di credito, specie su banche ora meno sicure) sia della inevitabile minore professionalità nel gestire gli investimenti rispetto ad operatori specializzati.

Le reti possono chiaramente fornire al meglio questi prodotti servendo le imprese come già fanno con i privati, potendo poi offrire – direttamente o tramite accordi con parti terze – altri servizi ad alto valore aggiunto pratico e consulenziale, soprattutto in un periodo di trasformazione e di transizione del nostro sistema imprenditoriale. Pensiamo qui non solo alle attività di corporate finance ed M&A generate dal ricambio generazione in atto nel nostro paese ma anche – e soprattutto – a quelle di carattere assicurativo e previdenziale, ai collegati aspetti fiscali e, in sintesi alla consulenza in senso ampio. Le capacità relazionale del promotore finanziario e il sistema retributivo incentivante che, differenziandolo dal bancario, determinano una maggiore spinta motivazionale alla conclusione del business, sono dei vantaggi competititi di non scarso momento che possono essere messi in campo dai promotori rispetto ai bancari.

Inoltre, proprio la più volte citata crisi di fiducia nelle banche tradizionali determina una possibilità unica di penetrazione commerciale; in alcuni ambiti territoriali l’effettiva scomparsa dei maggiori player bancari ha creato un vuoto che le reti potrebbero e dovrebbero colmare, offrendo i propri servizi con l’aggressività commerciale e la snellezza operativa che ne costituiscono storicamente le principali caratteristiche peculiari.

Non va dimenticato che il cliente-impresa, oltre ad avere attività in titoli per importi sensibili (170 miliardi a fine 2015) (9), costituisce un centro focale del nostro sistema economico e, per irradiazione, coinvolge tutta una serie di altri soggetti che potrebbero essere serviti dal promotore che riuscisse ad assumere il ruolo di consulente globale dell’impresa. Ci riferiamo qui, ad esempio, ai soci dell’azienda, ai loro familiari, ai manager, ai professionisti a vario titolo coinvolti e, indirettamente, a clienti e fornitori. E’ tutto un mondo che, ruotando intorno all’impresa, genererà, se approcciato con intelligenza e proattività, ulteriori sviluppi (10). Lo sviluppo di tale comparto non sarà solo premiante in quanto andrebbe a servire un bacino di liquità notevole, ma consentirebbe anche azioni di “Cross Selling” particolarmente interessanti.

Certo, questa finestra di opportunità potrebbe non restare aperta per sempre; lo “spiazzamento” commerciale e strategico del sistema bancario potrebbe essere transitorio e venir risolto, magari, anche attraverso una nuova fase di fusioni trans-frontaliere, peraltro auspicate dall/wpe autorità europee che, proprio a tal fine, hanno spinto l’acceleratore sul processo di Unione Bancaria, in fase di avanzata realizzazione.

I principali punti di forza competitiva delle reti (specializzazione ed efficienza nella gestione del risparmio, storica solidità ed estraneità alla crisi del sistema bancario) potrebbero essere così fortemente indeboliti dall’ingresso sul mercato di altri operatori esteri che, supportando patrimonialmente e professionalmente le realtà bancarie italiane, determinerebbero la scomparsa di tale eccezionale vantaggio competitivo.

Uno dei punti di criticità di queste argomentazioni è rappresentato dalla non perfetta conoscenza delle logiche e del linguaggio della finanza d’impresa da parte della gran parte dei promotori finanziari che sono tradizionalmente più esperti nelle problematiche della finanza mobiliare. Per quanto l’effettivo apporto consulenziale si svolgerà proprio sul comparto degli investimenti mentre sugli altri segmenti l’attività sarà di norma svolta insieme a specialisti del settore, pure è indispensabile che si sviluppino tra i promotori almeno delle conoscenze di base in finanza d’impresa, così da poter da un lato presentarsi all’interazione col cliente con uno standing tecnico-professionale di un certo livello e, dall’altro, per poter sviluppare quella sensibilità alle problematiche del segmento che consente, tempo per tempo, di individuare le soluzioni più corrette nella gestione dell’attivo e passivo aziendale e di supportare i processi decisionali dell’imprenditore.

Tale formazione di base potrebbe infatti essere convenientemente acquisita in tempi ragionevolmente brevi o attraverso corsi di specializzazione o, con il ricorso all’utilizzo di consulenti esterni da affiancare ai promotori nell’approccio ai clienti imprenditori, specie quelli che conducono imprese articolate territorialmente o strutturalmente.

In ogni caso, la tempestività nelle azioni di marketing è chiaramente la chiave nel successo delle strategie di acquisizioni di quote di un mercato che, potenzialmente, potrebbe far crescere le masse gestite di percentuali a doppia cifra in brevissimo termine. Sono molte infatti le reti che – non rappresentando direttamente una realtà bancaria – possono ambire a conquistare tali clienti, ma saranno solo le più rapide nel riposizionamento commerciale a goderne appieno.

 

Fabrizio Capanna

 

NOTE

(1)  Il Decreto 139/2015, emanato recependo la Direttiva 34/2013/UE ha introdotto una partizione delle imprese a livello europeo, definita attraverso 3 parametri oggettivi, superando 2 dei quali si ricade nella categoria superiore. I criteri sono: a) per le Micro Imprese, un numero di dipendenti inferiore a 5, uno Stato Patrimoniale minore di 175.000 euro e ricavi da vendite e/o prestazioni inferiori a 350.000; b) per le Piccole Imprese, un numero di dipendenti inferiori a 50, uno Stato Patrimonale inferiore a 4.400.000 euro e ricavi da vendite e/o prestazioni inferiori a 8.800.000; c) tutte le altre, residualmente, saranno Grandi Imprese. Sono previsti obblighi amministrativi e contabili via via superiori al crescere della categoria di appartenenza, sgravando così le Micro Imprese da oneri formali penalizzanti rispetto alla modesta attività aziendale.

(2)  Le nostre piccole imprese, dinamiche e snelle, hanno goduto per molti anni della sostanziale assenza di concorrenza internazionale, almeno in alcuni comparti, e delle successive svalutazioni competitive della nostra moneta. Guidate spesso da imprenditori di prima generazione, hanno cavalcato la crescita economica nazionale e mondiale sino all’integrazione europea, avvenuta purtroppo congiuntamente con l’affermarsi della produzione di alcuni Paesi Emergenti. La rigidità dei tassi di cambio post-Unione, la struttura finanziariamente debole delle stesse (patologica sottocapitalizzazione e debito prevalentemente bancario) ed il limitato supporto pubblico con coerenti politiche industriali di lungo termine, hanno determinate un forte arretramento del nostro sistema imprenditoriale.

(3)  Fatta pari a 100 la produzione del settore metalmeccanico (il principale) nel 2008, la stessa è calata in un solo anno, in seguito alla crisi, su valori pari a 63 in Italia, 72 in Germania e 68 come media Europea (fonte Ufficio Studi del Consorzio Camerale per il Credito e la Finanza). Nel 2014, mentre la Germania era tornata al valore di 100 e la media Europea ad 89, in Italia si era risaliti solo ad un modesto 68.

(4)  La “leva” del sistema imprenditoriale italiano è pari al 147% di quello francese, al 114% di quello tedesco ed al 115% di quello inglese. Non solo, la percentuale di debiti bancari sul totale dei prestiti assunti dalle imprese è pari al 72.6% in Italia, contro il 50.2% in Francia, il 55.9% in Germania e il 41.1% in UK.

(5)  Le banche hanno dovuto affrontare un processo di “deleveraging” che, a fronte di un patrimonio di vigilanza eroso da perdite di vario tipo, ha dovuto progressivamente ridurre la massa degli impieghi in essere, tanto in titoli che in crediti non cartolarizzati. La questione è tecnicamente complessa ma basti qui ricordare che esiste un rapporto normativamente stabilito che lega il patrimonio di una banca ai suoi impieghi e che, al decrescere del primo, impone una riduzione multipla del secondo. Gli effetti sulla concessione del credito sono stati penalizzanti per le imprese e le famiglie, specie nel periodo 2010-2015.

(6)  Per favorire l’effettivo utilizzo della liquidità fornita alle banche nel finanziamento ad imprese e famiglie al di fuori del circuiti finanziario, la BCE ha avviato due distinti piani di TLTRO (Targeted Long Term Refinancing Operation). In particolare, col secondo (attivo nel period giugno 2016/marzo 2017), venivano messi a disposizione alle banche dei fondi a quattro anni a tasso zero a patto che gli stessi fossere veicolati all’economia reale. Inoltre, per le banche più virtuose in questo esercizio, la BCE ha previsto anche un ulteriore sistema premiante che sostanzialmente determinerebbe una provvista al tasso negativo dello 0.40% per gli istituti di credito.

(7)  Il rating delle banche italiane è calato drammaticamente dal 2007 ad oggi; le due maggiori banche italiane erano entrambe nella categoria AA ed ora sono dei BBB. Le altre banche hanno tutte rating che, quando pure si mantengano a livello di “investment grade”, occupano i gradini più bassi. D’altro canto il sistema bancatio italiano, che produceva utili complessivi superiori ai 10 miliardi annui, ha registrato perdite complessive superiori ai 50 miliardi negli anni più virulenti della crisi (2011-2014) e solo ora, con fatica, si sta avviando a percettibili miglioramenti della redditività. Anche volendo considerare esclusivamente gli indici di patrimonializzazione (CET1 Ratio), la situazione, per quanto leggermente meno preoccupante, lascia spazio ad ombre e luci.

(8)  Un’elaborazione del Centro Studi di Unioncamere su dati della Banca d’Italia mostra un incremento delle reserve finanziarie delle imprese del 12.5% anno su anno (dato dicembre 2015), con valori assoluti pari oltre 234 miliardi di euro. Lo stesso valore riferito alle famiglie evidenzia un import pari a 906 miliardi di euro, in crescita anno su anno solo del 2,08%. In termini assoluti quindi, prendendo anche in considerazione I quasi 50 miliardi di euro detenuti dalle imprese familiari, gli attivi potenzialmente “gestibili” delle imprese super ail 30% di quelli delle fmiglie, ed è comparativamente in crescita

(9)  Di questi 170 miliardi di euro, 61 miliardi sono investiti in titoli governativi, 24 miliardi in obbligazioni corporate (prevalentemente emesse da banche e poste a garanzie degli affidamenti), 59 miliardi da azioni e 26 miliardi da fondi). Come si nota, la partizione è poco equilibrata ed espone a seri rischi di credito.

(10) Tali considerazioni valgono soprattutto per quelle regioni nelle quali la ripresa sembra essere partita solidamente. In Lombardia e Veneto, ad esempio i dati mostrano chiaramente un incremento dei profitti e dell’autofinanziamento, un raggiungimento dei limiti di capacità degli impianti ed una forte propensione all’investimento.

 

 

-